Caserta (CE) – Seminarii Sacellum

La cappella fu fondata da Mons. Gennaro Cosenza, vescovo di Caserta, tra l’antica torre campanaria e la cattedrale ottocentesca. Non si conosce il nome del progettista. I lavori, avviati nel 1892, si conclusero nel 1908 con l’inaugurazione avvenuta in occasione della ricorrenza dei cinquanta anni di sacerdozio del canonico della Cattedrale, Mons. Michitto. A sue spese fu realizzata la nicchia con cornice marmorea nella piccola abside che accoglie l’altare, settecentesco e di provenienza ignota. Notevoli le decorazioni a stucco e i dipinti realizzati all’inizio del XX secolo, alcuni in non buone condizioni di conservazione anche in conseguenza dei danni subiti per il bombardamento del 27/8/1943. Sull’arco trionfale è lo stemma del vescovo Cosenza. Le quattro grandi tele settecentesche, ubicate sulle pareti laterali, rappresentano scene della vita di Cristo. Esse provengono dall’antico convento dei Cappuccini in Puccianiello e sono affidate in deposito al Seminario Vescovile.

Testo: Pietro Di Lorenzo

Ricerca storica: arch. Giovanna Sarnella. (La Cattedrale di Caserta, in “Quaderni della Biblioteca del Seminario”, n° 4, 1999)

Precedente Caserta (CE) - Reggia Vanvitelliana, Sala delle Guardie del Corpo Successivo San Clemente (CE) - Palazzo Daniele